Regno Unito: nuove licenze per il Mare del Nord

Produzione britannica di gas e petrolio (1970-2012)Il governo britannico ha lanciato un nuovo tender per le licenze di sfruttamento degli idrocarburi del Mare del Nord, aprendo nuove aree agli investitori. Due mesi fa il tender precedente ha portato alla concessione di 219 nuove licenze.

Il settore petrolifero è un contributore importante per il fisco britannico: i 36 progetti approvati nel 2013 hanno generato circa 6,5 miliardi di sterline (7,8 mld euro) di gettito e altri 5 miliardi di sterline (6 mld euro) di gettito stimato lungo la filiera. Il settore petrolifero britannico, inoltre, impiega 350.000 lavoratori, di cui quasi la metà in Scozia.

Il settore petrolifero britannico si è sviluppato intorno ai giacimenti del Mare del Nord, che tra gli anni Settanta e gli anni Ottanta ha conosciuto un vero e proprio boom petrolifero: da 2 Mt nel 1975 a 80 nel 1980, fino al record di 165 nel 1986.

L’industria ha conosciuto una seconda giovinezza negli anni Novanta con il gas naturale, passato da una produzione intorno ai 40 Gmc negli anni Ottanta a 76 Gmc nel 1995, fino al record di 116 Gmc nel 2000.

Il declino nel primo decennio del secolo è stato rapido: la produzione aggregata di gas e petrolio è infatti passata dal record di 227 Mtep del 1999 a 82 Mtep nel 2012. Per trovare un livello tanto basso, occorre tornare indietro fino al 1978. E i dati preliminari relativi al 2013 indicano un’ulteriore contrazione del 10%.

A differenza di altri governi europei che preferiscono aumentare la pressione fiscale per sussidiare le rinnovabili, il governo britannico sembra dunque deciso a sostenere la ripresa economica anche sfruttando le riserve presenti nel sottosuolo del Paese e puntando all’efficienza nei consumi.

Taggato , , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

5 risposte a Regno Unito: nuove licenze per il Mare del Nord

  1. The Hooded Claw dice:

    Chissà se il fatto che la Scozia potrebbe votare per l’indipendenza avrà qualche ripercussione sulla volontà degli investitori.

    • Matteo Verda dice:

      Secondo me no, per due ragioni.
      La prima è che il voto probabilmente finirà con un bel NO.
      La seconda è che anche nell’ipotesi di una vittoria dei Sì, la rete di accordi di transizione è destinata a proteggere ampiamente i contratti e le concessioni in essere. Inoltre, gli operatori del settore petrolifero pagano parecchio e il governo scozzese a tutto l’interesse a non spaventare nessuno e limitarsi a incamerare il bottino.

  2. The Hooded Claw dice:

    L’indipendenza della Scozia sarebbe un errore gravissimo da parte degli scozzesi. Ma la questione rimane aperta, c’e tensione tra Edimburgo e Londra su chi debba mantenere gli introiti.
    (Che poi, incidentalmente, vien da ridere a pensare che le tensioni siano tra Edimburgo e Londra solo per il fatto che E. è la capitale della Scozia, quando gli abitanti di E. sono contrari all’indipendenza, il problema è il resto della Scozia.)

  3. Matteo Verda dice:

    Update: Bob Dudley di BP ha aperto le danze di dichiarazioni contro l’indipendenza della Scozia con una riflessione profonda: “My personal view is that Great Britain is great and it ought to stay together“…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *