Il ricatto energetico (ucraino)

Sole24Ore - La Ue sotto il ricatto energetico Giuro, non è accanimento. Però sono un lettore affezionato del Sole24Ore e dopo aver letto un articolo di oggi, ritengo opportuno informare il lettore di un paio di errori:

  • i consumi europei nel 2013, secondo le stime di Eurogas appena pubblicate, sono stati di 462 Gmc e non di 492 Gmc (la differenza è pari più o meno ai consumi dell’intera Spagna);
  • le riserve stimate nel Bacino del Levante sono nell’ordine dei 1.000 Gmc e non di 1.000.000 Gmc (quest’ultimo numero corrisponde a circa 5 volte le riserve complessive a livello mondiale, secondo le stime attuali).

Una riflessione anche sul titolo, La Ue sotto il ricatto energetico. Sarebbe opportuno specificare che il ricatto è ucraino e non russo, giacché i rischi di interruzione delle forniture di gas non dipendono da Gazprom, ma dal fatto che l’operatore ucraino Naftogaz continua ad accumulare debiti per il gas ricevuto.

Se, come probabile, a inizio aprile assisteremo a una crisi (più o meno mediatica), sarà perché Naftogaz continuerà a non pagare e, una volta interrotte le forniture dirette al proprio mercato, devierà o bloccherà quelle dirette in UE, portando alla chiusura dei rubinetti da parte di Gazprom.

Morale della favola: il ricatto c’è, eccome. Ed è il ricatto del nuovo governo di Kiev, che vuole liquidità per saldare i debiti contratti con la Russia.

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

2 risposte a Il ricatto energetico (ucraino)

  1. Pingback:South Stream: diversificazione a rischio - Sicurezza Energetica

  2. The Hooded Claw dice:

    Dai su, tre ordini di grandezza che differenza vuoi che facciano!?! Mille o un milione più o meno siamo lì, no?

    LOL, scusa il sarcasmo, hai mandato una mail al Sole per far notare lo sbaglio?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *