IEA – Global Gas Security Review 2016

ggsr2016La IEA ha pubblicato la prima edizione del Global Gas Security Review, una relazione di 117 pagine dedicata all’analisi dei profili di sicurezza dell’approvvigionamento di gas naturale liquefatto.

Il presupposto di partenza è che la situazione di eccesso di offerta, dovuto alla debolezza della domanda in Occidente e all’attuale e prossima entrata in servizio di nuova capacità di liquefazione, è una caratteristica di medio periodo ma che non può essere considerata come strutturale in un orizzonte temporale di più lungo periodo.

Per capire quanta sicurezza il mercato globale del gas via nave fornisce ai consumatori, il report analizza quanta flessibilità caratterizza in pratica è davvero disponibile nella catena del trasporto del GNL, in particolare guardando alla fase di liquefazione.

Particolare attenzione è dedicata allo studio della risposta alla crisi post-Fukushima (quando il Giappone ha dovuto rimpiazzare oltre 60 Mtep all’anno di nucleare) e alla flessibilità attuale del mercato europeo, tra modalità alternative di importazione, stoccaggio e switching da una fonte all’altra nella generazione elettrica.

World Energy Outlook 2016

IEA - World Energy Outlook 2016L’Agenzia internazionale per l’energia ha lanciato oggi l’edizione 2016 del World Energy Outlook, la sua pubblicazione di punta. 684 pagine (a pagamento) destinate a influenzare profondamente, come di consueto, il dibattito mondiale in tema di energia.

Tra le questioni più rilevanti affrontate quest’anno la ridefinizione della sicurezza energetica legata alla transizione energetica, la povertà energetica nel mondo, l’allocazione degli investimenti (sempre più influenzati dalle politiche climatiche e dai bassi prezzi del greggio), il processo di formazione di un mercato globale del gas.

Disponibile per tutti, una sintesi di 15 pagine in italiano.

La IEA dà i voti alla politica energetica della UE

iea_eu_reportA poche settimane dall’accordo del Consiglio europeo sul quadro energetico e climatico al 2030, la IEA pubblica una dettagliata analisi della politica energetica europea, evidenziando in particolare i risultati e le sfide emerse dopo il 2008, anno a cui risale il precedente (e unico) studio dell’agenzia parigina in merito.

Alla presentazione del rapporto avvenuta due giorni fa a Bruxelles, il direttore generale della IEA, van der Hoeven, ha evidenziato i grandi progressi ottenuti in questi sei anni e ha riconosciuto la leadership europea in materia di lotta al cambiamento climatico e promozione dell’efficienza energetica.

L’Europa, secondo la van der Hoeven, è ben avviata sulla strada della transizione a un’economia a basso contenuto di carbonio, ma deve comunque affrontare una serie di sfide non da poco.

Innanzi tutto, è necessario lavorare ancora al completamento del mercato interno, che è ancora diviso in mercati regionali, accrescendo le interconnessioni e le procedure di accoppiamento dei mercati. In secondo luogo bisogna aggiustare l’ETS, in modo che dia certezza agli investitori. È poi necessario continuare a sviluppare le rinnovabili, garantendone l’integrazione nel mercato interno e minimizzando gli effetti distorsivi sulla borsa elettrica. È inoltre necessario diversificare le fonti di approvvigionamento degli idrocarburi e promuovere un adeguato sfruttamento delle risorse interne. Infine, bisogna preservare un mix elettrico di base diversificato, che non veda la drastica riduzione nei prossimi anni del ricorso al nucleare e al carbone.

Per concretizzare queste e le altre raccomandazioni basate sul rapporto è necessario una forte Unione dell’energia, che metta in comune le risorse e coordini le iniziative dei vari stati membri. Proprio quest’ultimo accenno lascia intuire un certo allineamento di pensiero tra la IEA e la Commissione europea. Che siano unite nella lotta a ridurre il potere dei governi nazionali? 🙂

World Energy Outlook 2014

IEA - World Energy Outlook 2014La IEA ha pubblicato oggi l’edizione 2014 del World Energy Outlook, lo studio di riferimento a livello mondiale in materia. Qui sono scaricabili il factsheet e l’executive summary, disponibile anche in italiano.

In generale, la tendenza è quella emersa come “consenso” già da diversi anni: i prossimi decenni saranno dominati sempre più dai mercati asiatici, con la Cina a trainare la crescita nel corso di questo decennio e l’India destinata – pur con non pochi punti interrogativi – a trainare la crescita di medio-lungo periodo.

Per quanto riguarda il petrolio, se fino alla metà del prossimo decennio il non convenzionale statunitense e gli altri produttori non-Opec, come la Russia e il Brasile, conquisteranno quote di mercato, nel lungo periodo la dotazione di riserve e i bassi costi di produzione faranno pendere di nuovo la bilancia a favore dei Paesi mediorientali.

Per quanto riguarda il gas, la IEA indica consumi in crescita al 2040 di oltre il 50% rispetto al 2012, con un produzione prevista a 5.400 Gmc, di cui circa un terzo da giacimenti non convenzionali. Sul lato dell’offerta, dietro a Stati Uniti e Russia si farà largo la Cina come terzo produttore mondiale.

Un dato particolarmente interessante riguarda le rinnovabili: al 2040, l’UE sarà ancora il maggior erogatore di sussidi ai produttori, nonostante la quota europea dei consumi energetici globali sia in costante discesa, dal 12 all’8%. E questo mentre nelle economie emergenti continuano invece gli investimenti in nucleare, la cui quota sul totale dei consumi è prevista in lieve aumento.

IEA: outlook dedicato all’Africa

IEA - Africa Energy OutlookIn attesa che il 12 novembre prossimo sia pubblicato il World Energy Outlook 2014, la IEA ha diffuso un outlook dedicato all’Africa subsahariana.

Il documento analizza in dettaglio consumi, produzione e potenzialità del settore energetico dei Paesi africani. Nelle conclusioni, la IEA individua tre misure chiave per far sì che il settore energetico africano possa davvero favorire la crescita economica del continente di qui al 2040:

  • 450 miliardi di dollari di investimenti nel settore elettrico, fondamentale per garantire l’accesso a tutti e la possibilità di svolgere attività economiche più produttive;
  • una maggiore integrazione regionale, in grado di creare economie di scala e favorire gli scambi commerciali;
  • l’adozione nei Paesi produttori ed esportatori di idrocarburi di pratiche più trasparenti nella gestione delle rendite.

IEA - Total primary energy demand and demand per capita in sub-Saharan Africa in the New Policies Scenario

Quotazioni del greggio: regna la calma

IEA - Lower economic growth outlook trims 2014 demand increaseL’avanzata di ISIL in Iraq. Il governo di Kiev incapace di domare i ribelli. Le sanzioni occidentali alla Russia. Le fazioni libiche impegnate in un nuovo giro di fragili alleanze. Gli ingredienti dell’instabilità geopolitica, qualunque cosa significhi, sembrano esserci tutti.

E nelle attese di molti, il prezzo del greggio era destinato a toccare nuovi record, minacciando la debole ripresa economica europea o la crescita asiatica. E invece, dando un’occhiata ai grafici, appare evidente come in realtà gli operatori abbiano mantenuto la calma, dopo un breve picco a 115,19 dollari al barile il 19 giugno.

A spiegare l’arcano è l’Oil market report di Agosto della IEA. Innanzitutto, la domanda globale è attesa più debole delle attese: il taglio nelle previsioni relative 2014 è di un milione barili al giorno, poco più dei consumi italiani.

A questo si sono aggiunti l’aumento di produzione dell’Arabia Saudita e un modesto recupero delle esportazioni libiche. Inoltre, le scorte dei Paesi OCSE hanno continuato a crescere, arrivando a 2.671 milioni di barili.

L’effetto combinato di tutti questi fattori è stato dunque quello di spingere i prezzi verso il basso e di mantenere la calma sui mercati internazionali.

Gli operatori peraltro scontano anche l’effetto di alcuni fattori strutturali già chiaramente emersi: il declino della domanda europea, l’aumento della produzione statunitense (e quindi le minori importazioni), investimenti cumulati di circa 500 miliardi dollari in nuovo upstream petrolifero solo per il periodo 2014-2020.

Insomma, meglio non sopravvalutare la cosiddetta geopolitica. O quantomeno, leggerla in un quadro più ampio.


Prezzo del greggio, in dollari al barile  (02/01/2014 - 04/08/2014)