EIA – Costo livellato dell’elettricità

Segnaliamo un documento dell’Energy Information Administration statunitense dal titolo Levelized Cost and Levelized Avoided Cost of New Generation Resources, parte dell’Annual Energy Outlook 2017.

Lo studio cerca di valutare la competitività complessiva delle diverse fonti di generazione elettrica stimando il costo attualizzato per megawattora, calcolato considerando la costruzione e l’esercizio di un impianto di generazione nel corso di un determinato ciclo produttivo e finanziario anziché il solo costo marginale.

L’EIA cerca in questo modo di simulare, con diversi orizzonti temporali, le aspettative degli operatori che devono prendere una decisione di investimento. In particolare, si considera il costo livellato dell’elettricità per impianti che entreranno in servizio nel 2019, nel 2022 e nel 2030.

Tra i risultati più interessanti, la conferma della competitività sul mercato statunitense delle centrali a gas, con cui sembra poter concorrere su vasta scala solo l’eolico, pur con tutti i connessi problemi di discontinuità. Il fotovoltaico si conferma, anche nel contesto nordamericano, competitivo solo grazie ai sussidi (v. tabella).

EIA - Costo livellato dell'elettricità

Quanto al carbone, fino a poco tempo fa dominatore assoluto del mix elettrico degli Stati Uniti, le uniche stime disponibili sono quelle per impianti con entrata in servizio nel 2040 e prevedono costi (110-120 $/MWh) assolutamente non competitivi rispetto a gas, eolico, idroelettrico e nucleare. Conti alla mano, per il carbone sembra che la via del declino sia inevitabile, almeno in Nord America.

Taggato , . Aggiungi ai preferiti : Permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *